martedì 28 dicembre 2010

Time to go!

Hello Everybody!

This is a post to tell you that I'm almost ready to leave and spend the next days in the mountains, with no pc there.
Anyway keep on reading the blog and I promise that I'll post something as soon as possible, once I'll be back at the beginning of January.

Soooo, have a wonderful New Year's Day, don't drink too much and have too much fun!!!  ;)

And don't forget to join my Travelling Journal Project! I want it to leave in February!!!


Bye!  :)*

lunedì 27 dicembre 2010

We've got our Journal!

Hi everybody!

Today I'm glad to introduce you our Travelling Journal!

Hehe, I'm too excited, I couldn't wait any longer so I've decided to buy it today.

Unfortunately it's made in France and not in Italy, but looking among all the copybooks of the store, this one seemed to be the best one to suit our project. Sooo, who cares if it's made in France, on the contrary, it's in step with the international spirit of the project, isn't it?!  :)

So, here it is!

Hope you'll like it!

Have a nice evening!

venerdì 24 dicembre 2010

A present for you!

Hello again!

Since it's Christmas and time for presents, here is my gift for you.

I have here with me a small book which reached me a couple of years ago. It's "an enchanting tale for all ages", as it's written behind it. Its title is "Little King December" and it is part of a project of Bookcrossing which was started from an English guy (I guess), who had decided to send a book in every country of the world (wow!), and I can't remember why, but I was the right person to stand for Italy.
Anyway, I don't think it will be a problem if the small book keeps on travelling, since this is the spirit of Bookcrossing and I can't remember any explicit prohibition about making the book leave the country.

Sooo, if you want to receive it, leave a comment under this post. I'll gather all your names together, write them on small pieces of papers and one of them will be decided by lot, ok?

I just ask you, please, to register the book here once you receive it: it's very important.

Thanks a lot and have fun!
Hello Everybody!

Christmas is coming, eventually! I'm so excited.
In my family we use to celebrate on the 24th in the evening so today it's already the "great" day! Everything is ready and I'm really looking forward to being with my relatives and spending some great time together.

By the way, I wish you a Merry Christmas; I hope everything will be fine and you'll enjoy yourself and the warm atmosphere of these special days   :) 

And I just wanted to let you know that my "Travelling Journal Project" is now on the Postcrossing forum ( Click here! ). A couple of people have already joined.

Come on bloggers, help me!!!
That's going to be a lot of fun.

Have a nice Christmas time you all :)

mercoledì 15 dicembre 2010

Personalized Christmas presents! :)

Hello everybody!

Today I'd like to introduce a Christmas present I've proudly created with an easy program downloaded from the Internet. I'm talking about a couple of table calendars I've had printed with some pictures I had taken in the mountains this summer; I'm pretty satisfied of the final result!

Here a few pictures:

Hope you like them!
Any other ideas to use you pictures? I had had a mousepad printed once, and that was a nice idea as well :)

This picture... the summary of my life at the moment.

*Please note the tumbler bought in Boston*

lunedì 13 dicembre 2010

Che schifo

Che schifo... Che schifo, Che schifo, Che schifo, Che schifo, Che schifo, Che schifo, Che schifo. Che schifo, l'Italia, Che schifo.

Pregate, sperate, incrociate le dita, fate come meglio credete. Che magari domani è la volta buona.

lunedì 6 dicembre 2010

Travelling Journal!

Okay! This is the last post of the day, just to let you know about the idea I had while I was taking a shower
10 minutes ago.

I'd be glad to prepare a copybook we will then make travel among the participants. You will be able to write anything you want, or draw, stick pictures on it, share you thoughts, feelings, poems, why not!!! :)  At the end of its trip, the copybook will return back to me.

I just ask you not to keep the journal for a long time. Maybe if you understand that you have no time for it when you receive it, let it move on to the next participant. You'll be queued again when you have more free time for it. Then, please, make it travel safely (= proper package and stamps). In return I promise I'll post lots and lots of photos of it when I get it back :)

If you post a comment when you receive or send the copybook, we'll have fun tracking it during its journey :)

I had a similar experience with a group of Italian members of Bookcrossing and that was great! If you want, I can post some pictures of that copybook, just to let you better understand what I'm talking about ;)

So, if you are interested in this "project" just leave a comment under this post. I'll email you and gather your addresses. I'll make a sort of travel plan in order to create the best way and shorten the distances between two stops.

I think that we should put a time limit for entering the project, like for exemple, the end of the year. Then if there aren't enough participants, we'll change it.

Soooo! Plaese, help me!!! Take part in this project :) And if you know other people who could be interested, invite them!

I'm so excited!


Hands up if you like the amazing new Google feature "Street Viewer" and its orange mascot Pegman!

I find it GREAT! I waste so much time just hanging around in the streets of some faraway cities. And isn't it weird when you actually know the streets of a city you've visited and you "walk" with self-confidence as if you were actually there?

I sometimes love technology  :)

Back to Postcrossing


I have to thank you people, because you made me feel like being into Postcrossing again. Actually I've always been into Postcrossing in the past 3 years but in this period, due to my pretty busy daily routine, I had left it behind. But since I'm trying to find a little more free time for myself, my thoughts and things I like (that's the reason why I've opened this blog as well), and thanks to your blogs about mail, stationery and stuff... I'm back to Postcrossing!!!

I've already got my first 6 addresses. Now I just need some postcards and stamps and the adventure will begin again!
- I was thinking maybe I should create something "Christmas related" on my own ? -

But 'till then... back to my school books :(

domenica 5 dicembre 2010

Getting ready for Christmas?

I am. It's time for me to start thinking about the presents, find some free time to decorate the house and the Christmas tree, buy some new stuff to replace the old or broken things.
I know. Like all the other holidays, Christmas is getting a commercial holiday, its religious or spiritual meaning getting lost. Bla bla bla. I'm not in the right mood for moralistic comments. I'm not saying I don't agree with that but I think that nowadays we sholud objectively admit that spirituality is loosing its importance while on the other hand in a period of crysis it's not that bad wheter people have a good reason to spend a bit of their money to be happy together, giving some relief to our economy.

Christmas is my favourite holiday of the year. It warms your heart while outside it's snowing. It gathers families, it's a moment of joy. It has got a own special atmosphere.

This is a strange period for me. My best relationships are growing at the University, while in my family they're getting a bit... boring, dull, trivial... almost detached. And I don't think this is the right way they should be.

I hope this Christmas will set matters straight.

giovedì 2 dicembre 2010

American clichés again!

This is related to my previous post :)

"That Ain't My America"
From the Album - "God & Guns" (2009)
(Johnny Van Zant, Gary Rossington, Rickey Medlocke, Brett Warren)

Sometimes I wanna light up underneath the no-smoking sign
Sometimes I wish they'd tell me, how justice got so blind
I wish they'd just leave me alone 'cause I'm doing alright
You can take your change on down the road and leave me here with mine

'Cause that ain't my America
That aint this country's roots
You wanna slam old Uncle Sam
But I ain't letting you
I'm mad as hell and you know I still bleed Red, White, and Blue
That ain't us
That Ain't My America

I was standing there in Dallas
Waitin on a plane
I overheard an old man
Tell a young soldier "thanks"
The young soldier hung his head and said "it's hard to believe
You're the only one who took the time to say a word to me"
And the old man said...

That ain't my America
That aint this country's roots

You wanna slam old Uncle Sam
But I ain't letting you
I'm mad as hell and you know I still bleed Red, White, and Blue
That ain't us
That Ain't My America

It's to the women and men who in their hands hold a Bible and a gun
And they ain't afraid of nothing, when when they're holding either one

Now there's kids who can't pray in school
$100 dollar tanks of gas
I can tell you right now this country ain't


'Cause that ain't my America
That aint this country's roots
You wanna slam old Uncle Sam
But I ain't letting you
I'm mad as hell and you know I still bleed Red, White, and Blue
That ain't us
That Ain't My
That Ain't My America
That Ain't My America
That Ain't My America

mercoledì 1 dicembre 2010

Born in the U.S.A.?

If I think about a country I'd like to live in, it's U.S.A. I just love the United States. I've been there twice so far during two amazing trips I will never forget.
I visited some of the most famous cities in the world, I crossed miles and miles of countryside, fields or desert, I went hiking in some magnificent natural parks. And the most odd thing is that the most part of people I met in the U.S.A., after asking me where I was from, just exclaimed: "wow! Italy?! You're so lucky! It's the most beautiful country all over the world!". That's not so true. Undoubtedly here in Italy we have good food, great landscapes, good quality of our products and so on. Of course there are lots and lots of problems and bad aspects too, but that's not what I want to discuss now.

Anyway, why am I so attracted to the U.S.A.? Well, first of all, I think we are very different in mentality and culture. What I love about the American way of life is that it permits you to dream. Everything seems possible over there. Lots of stories are told about normal or poor people who found their own way to the success. In the Unites States everything's so huge too! Cities and Nature look like they're endless. You always feel like you have a whole world of possibilities in front of you. There is place for everyone! Everything looks important, imposing. In every corner you can find something famous you had seen in a movie or on the news . The American way of life is what we are used to see on the TV. Everything is a symbol, an emblem. The Americans seem to be a united block of million and million people, who recognize themselves in a strong patriotism, love for their families and sense of duty, who can endure the loss of their sons who had joined the Army to serve their homeland, who can struggle against tornadoes and floods and always find a way out. They are so strongly united, even if their great grandparents came from all different countries.
The U.S.A. are the homeland of cowboys, country music and Tex Willer! And Coca Cola and almost everything we know. The Americans flew to the Moon!
...I could keep on writing for another couple of hours.

I know my thoughts about U.S.A. are full of clichés, but it doesn't matter. Everybody needs to dream, and I'm really looking forward to my next American trip. I can't help but thinking that the United States could be the right place for me.

American friends, please feel free to leave a comment and tell me about where you live and your lifestyle ;)

*All the pictures were taken by me :) *

martedì 30 novembre 2010

Protesta sì, protesta no...!

Mboh. Davvero non so cosa pensare, sono molto combattuta a proposito delle numerose proteste degli studenti universitari di questi giorni.
Premetto che anche io sono completamente contro il DDL Gelmini che viene discusso in questi giorni, e la libertà di manifestare e protestare sembra essere uno degli ultimi scampoli di democrazia rimasti in questo Paese. Far sentire la propria voce è una cosa sacrosanta; rompere le scatole, fare casino, fare vedere che esisti e che ti opponi vivamente ad una scelta che andrà inevitabilmente a toccare la quotidianità del tuo presente ma anche - e soprattutto - il tuo futuro di cittadino e lavoratore.
Nonostante tutto però, come tutte le situazioni, anche questa ha le sue mille sfaccettature, alcune delle quali non condivido.
Prima tra tutte: l'occupazione dei binari ferroviari. Capisco che sia un modo efficace per creare disturbo e ottenere visibilità. Ma quando alle 18.30, stremato da una giornata in facoltà, nel buio e al freddo, sotto una neve inaspettata, devi cambiare due bus per arrivare in stazione e vieni anche a sapere che tutti i treni hanno un ritardo indefinito perché gli studenti stanno occupando i binari della stazione di partenza... beh... detto finemente, di alteri parecchio. Per lo meno, io mi sono alterata parecchio; e mi sono alterata parecchio nonostante io sia una studentessa universitaria e condivida le ragioni per cui si protesta. Però ho anche la fortuna di avere un paio di orecchie attaccate al cranio e queste mi hanno permesso di ascoltare i commenti degli altri pendolari, stanchi e infreddoliti lavoratori, che come me non chiedevano altro che poter tornare a casa e invece si sono trovati davanti all'ennesima rogna della giornata. Io temo davvero che in questa maniera i ragazzi si faranno odiare. Impedire alla gente di muoversi e di tornare a casa non è il modo giusto per boicottare il decreto legge! In linea generale, come si può pretendere l'appoggio, il consenso, l'approvazione di persone alle quali impedisci di rincasare per cena? Vi posso garantire che non ho sentito commenti gentili da parte dei miei compagni di sventura al binario.
Inoltre... l'occupazione delle facoltà è un metodo antico e sempre efficace. Un po' sul serio, un po' per gioco, un po' per spirito di cameratismo, ci si chiude nella scuola e magari ci si ferma anche a dormire. Mi sta benissimo; bloccare l'università è probabilmente il metodo più coerente per manifestare il proprio dissenso, una forma di ricatto dello studente che si appropria del suo "luogo di lavoro" per salvaguardarlo da qualcosa che potrebbe danneggiarlo. Allo stesso modo però mi accorgo che se le mie lezioni venissero bloccate per giorni e giorni sarebbe alquanto svantaggioso! Lottare tanto per il diritto allo studio, ma dall'altra parte impedire il regolare svolgimento delle lezioni, minando un equilibrio -quello dei corsi- il più delle volte precario, tra lezioni organizzate male, assenze dei professori, mancanza di mezzi e strumenti ecc. Comprendo perfettamente che l'occupazione per alcuni giorni serve anche a denunciare questi problemi, però impedire agli studenti di seguire le lezioni mi sembra un po' una restrizione al loro diritto.
Infine guardando i servizi dei telegiornali, osservo perplessa i volti di alcuni dei ragazzi che vengono intervistati e mi accorgo di non riconoscermi assolutamente nel loro modo di fare e nella loro retorica di cui spesso abusano. Come al solito, tante persone probabilmente si tuffano a capofitto nella mischia e nel casino perché è bello e divertente, senza neanche capire il perché delle cose. E allora in questi casi sarebbe davvero meglio che queste persone rimanessero a casa a studiare, facendo un favore a sé stessi e agli altri.

A questo punto credo che bisognerebbe dare più risalto forme di protesta alternative, altrettanto efficaci ma meno "invasive" nei diritti e nelle libertà altrui. Ben vengano le manifestazioni pacifiche, gli slogan, i manifesti, gli articoli su blog e giornali e... non so che altro. Non sono un'esperta di sovversioni. Penso solo che anche io voglio salvaguardare i miei diritti allo studio e al lavoro, ma allo stesso tempo non voglio essere penalizzata dalla protesta stessa, altrimenti cosa ne ricaviamo?

« L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. »

Se & Quando riusciremo a dare (e ricevere) la nostra parte?

domenica 21 novembre 2010


Hello everybody!

Tonight, a short post to talk about one of my favourite hobbies... Photography!
Well, actually I must admit that I have never partecipated to a photography course and my digital camera is pretty old and simple too. Anyway, trust me, I'm going to buy a better one soon (by the way, have you got any suggestions? I'm thinking about something not too expensive and difficult to use, but with some manual settings I can have fun with).
Well, what I often think about is "why do I always feel the need to take pictures? Is this a mania?". Indeed, during a party or a walk or any other nice situation I really feel like taking pictures. But then I ask myself why it is so important to me, since I've got hundreds of pictures on my computer and I rarely look at them. Why is it so important to capture a movement, a colour, a situation? When I just have it printed and then I leave it in an album with loads of other old memories. That really sounds useless, but in any case I cannot help but taking pictures. Why is it so important? And on the other hand, why are there some people who really hate photos? I'm not talking about those who are scared because they think they will look bad or ugly... There are some people who really don't like taking pictures or they never feel like that; it's not important to them and sometimes it's almost... annoying! Are they maybe... freerer (is "freerer" correct? O.o ) than me? Or are they missing something?

Just doubts about that.

lunedì 15 novembre 2010

Maledetta tecnologia!

Oddio, questo argomento mi ricorda tantissimo i saggi brevi del liceo..! "Attualità. La tecnologia e i giovani".
Chiedo perdono, reminiscenze storiche.
Sta di fatto che in questo periodo la tecnologia si sta ribellando contro di me, nonostante io non ricordi di averle fatto nulla di male.
Tutto è cominciato quando il mio bel monitor ha deciso di bruciarsi da un momento all'altro senza neanche darmi il tempo di dargli l'estrema unzione; e io, povera ingenua, mi reco al negozio sperando di procurarmene un altro per poco, ma la prima cosa che mi si propone, visto che la scheda video potrebbe essere obsoleta e pertanto non adatta per un monitor moderno, è di comprare per intero un nuovo pc. Ma siamo pazzi?? no, voglio dire.. stiamo scherzando? Mi muore il monitor e io dovrei sostituire il tutto? Maledetti.. peccato che non ti lascino scelta. Non puoi opporti a questo malsano meccanismo e dire "no, grazie! voglio un monitor vecchio, compatibile con il mio "vecchio" pc". - vecchio si fa per dire; ha un paio d'anni o poco più-.
Fortunatamente la fortuna ha voluto che il mio pc riuscisse a dialogare cordialmente con il monitor che ho comprato (a tre volte tanto rispetto al prezzo iniziale da me ingenuamente auspicato :( ).
Passano 2 settimane e a un portatile che abbiamo in famiglia si rompono le uniche 2 porte USB di cui è provvisto. Risultato: un mese il laboratorio e un prezzo spropositato per la sostituzione del pezzo danneggiato (per farvi capire, con ciò che si è speso per le USB si potevano ricomprare i 2/3 del pc per nuovo). Non ci crederete ma anche qui la seconda proposta dell'addetto era stata "valutate di acquistare un nuovo pc" (vorrei sottolineare che il portatile in questione ha 10 mesi e la prima proposta dell'addetto era stata "tenetevelo così com'è; farlo riparare non conviene" -!!!- ).
Infine oggi il mio povero cellulare, "vecchio" ormai di 14 mesi ci ha lasciati dopo una settimana di agonia in seguito a una brutta caduta che gli ho causato in un momento di fretta. Unica, maledetta, fatale caduta. Ho chiamato il centro assistenza. La ragazza non mi ha lasciato finire la spiegazione e ha concluso per me " sono rotti i cristalli liquidi, giusto?". Già, a quanto pare è un problema frequente. Peccato che per riparare i cristalli liquidi ci vogliano almeno 120 euro; più del valore del cellulare da nuovo (anche perchè la solita dannata garanzia non ricopre questi incidenti catalogati come "incuria del cliente"). Credo che abbiate già immaginato la soluzione: "ti conviene comprarne uno nuovo". E così ho fatto, stavolta ho ceduto e ho mandato in pensione il povero cellulare defunto che era praticamente nuovo.

In conclusione. Non trovate che questo meccanismo sia perverso? Si guasta una parte e tu cambi tutto. Poi ci si lamenta del consumismo e dell'inquinamento!!!
Ci spingono a bruciare e bruciare a ritmi insostenibili!
Io sono una grande fan della tecnologia, la usiamo tutti i giorni in (quasi) ogni contesto della nostra vita. Eppure mi sembra che il tutto stia correndo un po' troppo in fretta. Le cose nuove in pochi mesi diventano obsolete, incompatibili, inutilizzabili! E ciò che odio di più è l'essere costretta a scelte obbligate (che inoltre, per il solo fatto d'essere obbligate, non credo che si possano più definire scelte!). Se infatti qualcuno vuole cambiare un monitor ogni 6 mesi per essere al passo coi tempi, non sarò di certo io ad oppormi! Ma perchè, per contro, io non posso avere il diritto di comprare un monitor vecchio di 2 anni, se voglio risparmiare un po' e non pretendo performances sbalorditive? perchè non posso avere il diritto di fare riparare il mio cellualare se lo ritengo ancora ben funzionante? perchè siamo pressochè costretti a sprecare così tanti soldi e risorse se non vogliamo rimanere tagliati fuori? Tutto questo è scandaloso.

La tecnologia si sta evolvendo troppo in fretta per noi. Non tiene conto del fatto che noi siamo pur sempre esseri umani; che se abbiamo fretta e abbiamo la testa altrove è possibile che ci cada di mano il cellulare. E allora perchè non posso avere il diritto di comprare per poco un buon telefonino che sia però anche robusto? Non me ne faccio niente di un aggeggio stratosferico se dopo la prima volta che mi sfugge di mano lo devo buttare via. Lo so che qualcuno obietterà che ci sono cellulari di fascia di prezzi medio-bassa, ma vi garantisco che la commessa del negozio già vi avviserà che quelli sono più scadenti, meno potenti, con la batteria che non regge più di due giorni. Dunque per rimanere nel budget dovrei rinunciare alla qualità. E questo davvero non è giusto.

mercoledì 3 novembre 2010

..palloncino blù, sù sù sù..

Buonasera Internauti!

A quanto pare finalmente la pioggia ci ha concesso un po' di tregua, anche se non fa molta differenza quando passi tutto il giorno chiuso in Università ed esci alle 18 quando è già notte fonda.

Ad ogni modo, oggi è successa una cosa particolarmente carina che mi fa piacere condividere con voi: abbiamo trovato in collina un palloncino sgonfio con attaccata una cartolina di un paese qui in Piemonte, con tanto di indirizzo sul retro per rimandarla al mittente nel caso fosse stata ritrovata (cosa che farò al più presto). La parte più divertente però è che io stessa avevo fatto un esperimento simile qualche anno fa, anche se purtroppo non ho mai ricevuto notizie di ritrovamenti dei miei palloncini. In ogni caso, se non altro, il destino ha voluto che io trovassi quello di qualcun altro, il che è davvero incredibile, non è vero? (davvero nello spirito della mia filosofia "Se & Quando"...!)

Quanto mi affascinano queste esperienze! Guidate dal caso e dalle correnti del vento. Persone che hanno ancora voglia di sperimentare metodi "alternativi" di comunicazione, come il buon vecchio messaggio nella bottiglia gettata in mare.
Non per altro sono una fan della corrispondenza cartacea che per anni ho portato avanti con ragazze di tutto il mondo, che in un paio di occasioni ho anche avuto la fortuna di conoscere di persona.

Vi è mai capitato nulla del genere? Raccontatemi! La mia curiosità non ha confini ;)

lunedì 1 novembre 2010

Raining suggestions?

Just raining, raining and raining over here!

I wanted to share with you a nice French poem I had studied by heart at school several years ago. Unfortunately I couldn't remember the title nor the author, so I couldn't find it on the Internet.
That's the reason why I've decided to ask you for any suggestions of poems (or songs or anything else) about rain!

That's what came to my mind:

- November rain by Guns'n'Roses
- Rainin' in Paradize by Manu Chao

Any other tips?
"Nothing lasts forever,
even cold November rain"

The Day after Halloween

Hello Everybody!

Are you still alive after the great Halloween parties you took part in?
What do you think about celebrating Halloween, then?
Actually, I cannot understand what I feel when I think about Halloween. I guess I just see it as a chance to meet friends and have fun together, and that's what I do every year. We don't dress up or anything, we just cook and have dinner together and then we go outside or just watch a movie like yesterday evening, since the weather was sooo bad over here!
By the way, I had never seen "Edward Scissorhands" and I found it great!
Do you think that Halloween is worth being celebrated in some special ways? Or is it just a stupid mania?
Americans!!! I want to hear your version! I really think that Halloween has a bigger sense in the U.S. than here in Europe. Let me know what you think about it!

venerdì 29 ottobre 2010

Carpe Diem

Fermatevi un attimo e pensate alle vostre giornate lavorative, lunghe, monotone, la fotocopia l'una dell'altra, scandite incessantemente da orari e impegni. Il lavoro, i pasti, lo sport, la cura della casa. E' normale, è da tutti. C'è una cosa però che mi rattrista un po' di tutto questo. Non so voi, ma io passo la maggior parte del mio tempo a sperare che il tempo stesso passi il più velocemente possibile. Aspetti il treno al freddo e speri che arrivi in fretta. Sei a lezione o al lavoro e speri che le ore corrano veloci. Sei in palestra a faticare e non vedi l'ora di finire. Tutto questo è logico e umano. La noia e la fatica sono fastidiose da sopportare e non aspettiamo altro che poterci prendere una pausa e dedicarci ad attività più divertenti e piacevoli. Riflettendo un istante però questo fatto personalmente mi sconvolge! E mi odio un po', tutte le volte che spero che ore, giorni o interi mesi si sbrighino ad andarsene. Fosse per me, pianificherei già le mie vacanze estive, quando gli esami saranno finalmente finiti e ci sarà spazio per il mare e per il sole! Non è assurdo tutto questo? Con il poco tempo che abbiamo da passare qui, tutti insieme, sul nostro infinitesimale ritaglio di universo.. e noi vogliamo che tutto scorra veloce. Non amo molto la retorica del "godersi l'attimo". Godersi l'attimo è cosa buona e giusta, ma credo che sia più facile da dire che da mettere in pratica; infatti sono io la prima che ci rido sopra quando, a metà pomeriggio, vorrei essere da tutt'altra parte ma non in Università o dal dentista e mi riesce davvero difficile impormi di godermi quel momento di noia e/o tortura. Se ci pensate, non è facile seguire questa filosofia di vita; eppure non si può neanche star sempre ad inseguire le cose che ci piacciono e voler vedere svanire tutto il resto! Altrimenti poi va a finire davvero che il tempo passi così in fretta come ci auguravamo.. e magari rimarremo un po' con l'amaro in bocca, mi sa.

Hello World!

Hello World!

Welcome to my blog.
As you can see, it was born yesterday and my first posts were all in Italian. Anyway, I'd like to post in English sometimes, so that I can reach foreign people too. I love foreign languages, travelling abroad, meeting new people and cultures.
I think that the main topics of this blog will be books, travels, studies, food, music, news, crafts -why not- and daily life. Actually, this blog is going to be a sort of personal diary where to note my thoughts, feelings or experiences, and I'd like to share them with you (well, I guess this is the reason why the most part of blogs are created...!!).
So, feel free to leave a comment about this or my future posts.
If I notice that I have some foreign visitors or followers, then I'll be happy to translate in English all my future posts (which is also a great exercise for me!).

Let me hear of you!!!

A Moment of Violence, please.

Okay, non amo i fatti di cronaca nera, né tanto meno trastrullarmi nei loro dettagli più crudi e raccapriccianti che invece piacciono tanto a giornalisti e telespettatori.
Nonostante tutto non posso rimanere indifferente davanti a tanti fenomeni di violenza bruta, incontrollata, rapida e sovradosata.
Voglio dire... ma sono tutti impazziti? Dobbiamo cominciare a preoccuparci per la nostra incolumità per strada, in stazione, in casa? Ogni tanto, senza volerlo finisco per calarmi nelle situazioni che ci vengono raccontate. E in tutta onestà mi chiedo "riuscirei a reagire? saprei difendermi?"; la risposta, nella stragrande maggioranza dei casi è No.
Quindi è chiaro che un po' di timore mi assale. Nonostante tutto però, odio aver paura. Odio dovermi guardare attorno, controllare tutto e tutti, preoccuparsi se un luogo è male illuminato, con poche persone o se vedi delle facce che ti ispirano poca fiducia.
Perché devo aver paura che qualcuno voglia attentare alla mia incolumità? Non fraintendetemi, non soffro di manie di persecuzione e non passo la giornata a guardarmi le spalle. Però devo ammettere che ogni tanto provo disagio in alcune situazioni perché non mi sento del tutto al sicuro.

Io NON VOGLIO dover avere paura degli altri. Certo non sto inneggiando a un ingenuo candore della serie "Cappuccetto Rosso che raccoglie i fiorellini nel prato mentre scende la sera in un bosco dove vivono i lupi". Per carità. Mi è sempre stato insegnato a stare all'erta e riconoscere le situazioni potenzialmente pericolose, a non fidarsi troppo della gente e a pensare con la propria testa, e tutto ciò è sacrosanto.
D'altra parte però, vorrei avere un po' più di fiducia negli sconosciuti, senza dovermi fare tanti scrupoli ogni volta. E d'altra parte vorrei anche avere il diritto e il coraggio di poter dire la mia se qualcosa non mi sta bene o se mi sembra di aver subito un torto.. tutto questo uscendo sana e salva dalla discussione. Io NON VOGLIO dovermi chiudere la bocca se davanti mi trovo qualcuno più grosso di me perché non so come questo reagirà. Vi sembra normale?
Ma perché la gente sempre più spesso dà di matto all'improvviso, a freddo e con motivi il più delle volte futili?
Già, non esistono più le mezze stagioni. Non ci sono quelle tappe intermedie quali i pensieri, le parole, le domande, le discussioni, magari gli insulti che ogni tanto fanno bene. Si passa subito ai fatti... e che fatti! Le persone vanno in tilt. Overflowing di dati, e via. Si ricorre alla violenza. Le persone sembrano diventate incapaci di dosare le loro energie, le loro emozioni, le loro reazioni.
Perché? Sarà davvero per quei luoghi comuni? La violenza in TV, i film, i videogiochi, lo stress.. boh.. ci credo e non ci credo.
Io so solo che non faccio male a nessuno. Un po' mi spiace addirittura ammazzare le cimici, anche se mi fanno parecchio schifo. Però in cambio vorrei anche poter vivere serenamente senza aver timore che qualcuno mi faccia del male perché ha le balle in giostra.

giovedì 28 ottobre 2010

Just for curiosity (le 5 W)

Vi ricordate quei noiosissimi compiti da scuola elementare?
"Bambini, voi sarete i giornalisti; inventate un fatto di cronaca e scrivete un articolo che lo descriva. Ricordatevi di fare bene attenzione a rispettare la regola delle 5 W".
Maledette le 5 W, ve le ricordate? Che poi te ne mancava sempre una.. un po' come coi 7 nani.. io mi dimentico sempre del povero Dotto.
Who, where, when, why e how (se vi azzardate a sottolineare che "how" inizia con l'h vi spiezzo!).
E tutti giù a lavorare di non molta fantasia, in realtà.. e ad immaginare già da piccoli tristi storie famigliari con tanto di particolari truci.

Intanto, a distanza di anni, -chi l'avrebbe mai detto!- quelle 5 W mi tornano alla mente, e finalmente capisco la loro utilità. Io mi pongo delle domande.

Ciò che terribilmente manca a questo mondo è una bella iniezione di curiosità, non credete? Lo so... qualcuno avrà da obiettare che mancano i soldi, il cibo nei Paesi poveri e bla bla.
Va bene. Non ho certo intenzione di imbarcarmi ora in discorsi più grandi delle nostre piccole menti umane.
Voglio parlare della curiosità. Ponetevi questa domanda: voi vi ponete delle domande?
Non vi chiedete il perché degli eventi, dell'evolversi delle cose, di come queste funzionano, di come sono nate, sono state costruite, del perché e del percome, di quando finiranno, di come le cose cambieranno?
La fisica non è il mio forte, non lo è mai stato; ma nonostante tutto rimango affascinata quando trovo spiegazione a certi fenomeni della Terra.
Neanche la politica mi entusiasma, ma non è interessante soffermarsi e osservare come la storia si ripeta ciclicamente? Il perché di certe scelte dei popoli e dei loro leader?
Osservate: come cambiano i paesaggi e le persone attorno a noi? e cosa succede a noi stessi?

Dunque grazie a chi mi ha insegnato quelle cinque, stupide parole, perché è grazie a loro che ho cominciato a interrogare il mondo.
Non diventerò una giornalista, ma se non altro tenterò di non farmi scivolare addosso le cose rimanendo impassibile. Siate curiosi!


Se & Quando?

Espressione affascinante. Nulla è certo, nulla è scontato. Domanda retorica un po' scaramantica, forse. Nel dubbio che qualcosa accadrà o meno, rimaniamo vaghi. Forse sì o forse no. E se sì, sarà solo il tempo a decidere. Noi cosa ci auguriamo? Dipende. Se e quando finirà il mondo? Spero non nel 2012. Non sono un'emo depressa; sono giovane e ho tanta vita e voglia di fare davanti a me.
Perché questo blog? Non lo so. E' stata un'idea giunta stasera all'improvviso. Apro un blog e sperimento le potenzialità della rete. Collegare persone sconosciute e lontane.

C'è qualcuno dall'altra parte del monitor?